Possiamo cambiare?

Tutti vogliono cambiare qualsiasi cosa in se stesso per diventare meno irritabile, meno immaginario, più fiducioso, più ottimista. Questo non è facile, ma ognuno ha l’opportunità di diventare se stessi … solo meglio!

“Questa è stata un’intervista con il terzo datore di lavoro. Ero terribilmente preoccupato. Ma non appena sono entrato in ufficio, mi è sembrato di aprire il mio secondo vento. Mi sembrava di essere trasformato: la solita ansia è scomparsa, lasciando il posto a una certa fiducia non familiare. Ora, sei mesi dopo, la 38enne Natalya ricopre la posizione che ha ricevuto quel giorno. Anche se è ancora spesso preoccupato, perché il solito insicurezza è tornato a lei, che poi l’ha rilasciata solo per un po ‘.

Probabilmente, tutti sopravvivono al momento in cui inaspettatamente siamo stati in grado di superare le proprie barriere e fare con sicurezza un passo avanti. In una situazione del genere, non diventiamo una persona diversa: usiamo semplicemente le nostre migliori qualità. Se solo tale esperienza potesse diventare kamagrasenzaricetta.com parte della vita di tutti i giorni! Se potessimo porre fine alla dolorosa timidezza o ansia incontrollata e camminare verso l’ignoto con calma e con fiducia!

Confondiamo le fantasie e il fatto reale del cambiamento, profondi cambiamenti interni con cambiamenti in esterno, superficiale

Cambiamento, metamorfosi interna – non è questo ciò che gli allenatori e gli psicoterapeuti portano a questo? Uno sguardo agli scaffali di qualsiasi libreria, assegnata alla letteratura psicologica, dà una risposta a questa domanda: “Cambia la tua vita in sette giorni!”,” Ricorda di diventare felice!”,” Dai un’occhiata alla vita in un modo nuovo!”.

Ma, secondo lo psicoterapeuta esistenziale Svetlana Krivtsova, faremo un grave errore se percepiamo queste allettanti promesse letteralmente: “È improbabile che la piena trasformazione sia possibile: dati fisici, capacità intellettuali, istruzione, cioè tutto ciò che sta alla base della personalità, cambiare molto difficile “. Slogan simili si basano su un malinteso di cambiamenti: viviamo in un’epoca in cui eventuali cambiamenti sembrano fattibili – sugli schermi e sulle riviste vediamo persone che sono state letteralmente scoppiate dal nulla alla prosperità, diventano stelle.

“Al giorno d’oggi, i fantastici cambiamenti in un piano professionale, amore o geografico sono una cosa comune”, concorda l’allenatore commerciale Olga Mukhina. – Quindi ci sembra che sia possibile in un batter d’occhio per distribuire la tua vita di 180 gradi. Ma confondiamo le fantasie e il fatto reale del cambiamento, profondi cambiamenti interni con cambiamenti in esterno, superficiale “.

Cosa può essere cambiato

La psicoanalisi inizialmente delinea i confini: non possiamo cambiare radicalmente noi stessi. Ma siamo in grado di iniziare a vivere in modo diverso: è meglio usare le qualità che possediamo. Per porre fine alle paure che avvelenano le nostre vite, controllano l’ansia, per sbarazzarsi delle dipendenze … Ogni passo di questo tipo è la chiave per i cambiamenti interni.

“In precedenza, una performance in pubblico, prima che qualsiasi pubblico fosse solo un incubo per me”, ricorda Mikhail, 29 anni, Mikhail. Grazie alla terapia di gruppo, ha imparato a vincere l’ansia. “Sono ancora preoccupato, ma ora so che da qualche parte dentro di me c’è anche fiducia che può rendermi più forte. La terapia mi ha aiutato a stabilire una connessione con questa parte di me stesso “. Cambiare non significa diventare diverso, ma, secondo Nietzsche, “diventare se stesso” … solo meglio.

Desideriamo andare oltre i soliti schemi con un solo obiettivo: passo dopo passo per venire a noi stessi, con la nostra vera essenza

Ma cosa posso dire al pessimista che vorrebbe diventare un ottimista? O una persona esausta dallo stress e dai sogni di pace? “Hai già tutto ciò che sogni”, risponde Olga Mukhina. – Solo a causa di circostanze familiari o personali, sei “specializzato” in una o un’altra linea del tuo personaggio. E tanto tempo fa sei riuscito a credere: questa è la tua natura. Ma anche se una persona ha sofferto di depressione per un anno, la gioia vive ancora in un certo angolo della sua anima. L’unica domanda è come cambiare l’installazione, la visione della situazione e il tuo comportamento, spostare gli accenti “.

Il processo di cambiamento in questo caso richiederà una visione diversa del mondo, a te stesso e ad altre persone, al fine di “disconnettersi” dalla depressione e rivolgersi alla gioia. “Cambiare è imparare a controllare le scale dei pesi, pur non abbandonando il primo”, continua Olga Mukhina. “Le qualità del carattere, a causa delle quali qualcosa non ha funzionato nel miglior modo, tristezza o rabbia, l’ansia continua a vivere in noi e in qualche altro momento della vita può essere molto utile”.

Perché è così difficile

La sete di cambiamento non è un capriccio. Non solo esprime insoddisfazione, ma ricorda anche un bisogno vitale. “Un serpente che non può cambiare la pelle muore”, ha scritto Nietzsche. Desiderio di trasformare, crescere su te stesso, svilupparsi – nella natura dell’uomo. In un certo senso, ci distingue dagli altri animali, aiuta ad andare in un solo ritmo con un movimento naturale della vita.

Non puoi entrare nello stesso fiume due volte – e il desiderio di cambiare ci porta attraverso la vita, che è un movimento. Soprattutto se vogliamo andare oltre i soliti schemi di comportamento, in modo che ogni giorno siamo un po ‘più vicini a noi stessi.

“Molte delle caratteristiche inerenti agli Stati Uniti appartengono solo a noi”, spiega la psicoterapeuta Alena Dehurm. – Dopo tutto, li abbiamo ereditati dai genitori. Cambiamenti interni: il percorso verso la conquista dell’indipendenza “. Cerchiamo di separarci dalle proiezioni della famiglia e della società. E quindi è così difficile ..

“Quanti psicoanalisti sono necessari per cambiare la lampadina? Solo uno, ma è necessario che la luce della luce stessa voglia cambiare!”Come in ogni scherzo, in questo puoi vedere la quota della verità, ricorda Alain Delurm.

“Per cambiare, non è sufficiente riconoscere la necessità e dichiararlo. Chiunque dica: “Ho un cattivo umore, voglio diventare più allegro”, non vuole necessariamente cambiare. Forse vuole lamentarsi e spera che lo ascolteranno. Il stesso desiderio di cambiare è già un lavoro “. Dopotutto, per natura resistiamo ai cambiamenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *